Informazioni

Durata 90'

 

Biglietti in vendita a partire dal 1° novembre.

> http://ticka.metastasio.it -> sconto del 10%
> Biglietteria Metastasio, via Cairoli 59, tel. 0574/608501
> Circuito Box office, tel. 055/210804055/210804 
> Tabaccheria Bigi, via Bologna 77, Prato - tel. 0574/46231

 

Listino biglietti

Tipologia biglietto Costo in €
posto unico
INTERO
15,00
posto unico
RIDOTTO soci Coop
12,00
posto unico
RIDOTTO convenzioni / over 65
10,00
posto unico
RIDOTTO under 25
5,00

Spettacolo

5 marzo ore 21.00 - 6 marzo ore 10.00 | Teatro Fabbrichino

LA CLASSE

regia NANNI GARELLA
con Nicola Berti, Giorgia Bolognini, Luca Formica,
Pamela Giannasi, Maria Rosa Iattoni,
Iole Mazzetti, Fabio Molinari, Mirco Nanni,
Lucio Polazzi, Deborah Quintavalle,
Moreno Rimondi, Roberto Risi
luci Paolo Mazzi
regista assistente Gabriele Tesauri
assistente alla regia Nicola Berti
suono Pierluigi Calzolari
costumi a cura di Vanna Cioni
manichini Consuelo Cabassi

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione in collaborazione con Associazione Arte e Salute onlus

si ringrazia per la collaborazione il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna

 

La classe nasce da un laboratorio condotto da Nanni Garella con la compagnia di pazienti psichiatrici "Arte e Salute" sull’opera del pittore e regista polacco Tadeusz Kantor.
Dodici adulti in una vecchia aula: persone trapassate in una sorta di limbo, nel luogo dove essi hanno trascorso i giorni ineffabili dell’infanzia e che tornano solo nei ricordi, a volte vividi e pieni di energia, a volte stanchi e melanconici, a volte lancinanti come cose irrimediabilmente perdute. Il rapporto imprescindibile dell’uomo con la morte è un tema che la società contemporanea rifugge dall’affrontare, per rincorrere una vita di facili conquiste di benessere materiale. Ma la rappresentazione di un mondo perduto, sepolto nella memoria, si trasforma in un trepidante, violento, commovente inno alla vita; una vita tutta vissuta che ritorna nella sua pienezza solo a patto di fare i conti con il nulla della morte.

LA CLASSE