Informazioni

PREZZI BIGLIETTI
posto unico non numerato > € 15,00

Per tutti i biglietti sono previste le seguenti RIDUZIONI:
- SOCI COOP: 20%
- OVER 65 e CONVENZIONI: 30%
- UNDER 25: 40%
- DISOCCUPATI e CASSINT.: 50%
- ACQUISTO ON-LINE: 5% (sul prezzo intero o ridotto)
- LAST MINUTE: 50% sul prezzo intero -non cumulabile con altre riduzioni- acquistando al botteghino nei 15 minuti prima dell'inizio dello spettacolo


I biglietti saranno in vendita a partire dal 10 ottobre 2017

> http://ticka.metastasio.it
> Biglietteria Metastasio
via Cairoli 59, tel. 0574/608501
> Circuito Box Office
tel. 055/210804
> Tabaccheria Bigi Prato
via Bologna 77, tel. 0574/462310

____________________________

Spettacolo segnalato ai concorrenti del Premio Giornalistico Lettera 22 – bando su www.premiolettera22.it

Spettacolo

1/17 dicembre 2017 | feriali ore 20.45, sabato ore 19.30, domenica ore 16.30 (lunedì 4 e 11 riposo) | Teatro Fabbricone-Sala 2 (Fabbrichino)

QUARTETT

di Heiner Müller
traduzione Saverio Vertone    
con Valentina Banci e Fulvio Cauteruccio
regia ROBERTO LATINI

produzione Teatro Metastasio di Prato
PRIMA NAZIONALE

 

Quartett è il doppio di un doppio.
Il testo di Heiner Müller gioca con uno specchio in continua metamorfosi.
A guardarci dentro, c’è una concertazione di concetti e frasi che sembra corteggiare il pensiero e le sue proiezioni.
Un teatrino in cui i monologhi fanno la recita del dialogo e viceversa.
Dal libertinismo de Les liasons dangéreuses di Pierre Choderlos de Laclos, Heiner Müller trasforma la marchesa di Merteuil e il visconte di Valmont in personaggi dentro e fuori il ruolo delle parole di cui sono portatori.
I due protagonisti si trovano in una condizione di estrema solitudine eppure nella necessità del meccanismo di relazione, sollecitato, disincantato, svilito, svelato, nel duello fondamentale tra la parte da interpretare e l’equilibrio dell’apparenza.
Un uomo e una donna, uno di fronte all’altra, tra ascolto e relazione, spettatore uno dell’altra e attore uno per l’altra della tragicomica messinscena del Tempo.
Roberto Latini