IO NON MUOIO PIÙ

progetto speciale per Contemporanea Festival 2022 (16/25 settembre)

Progetto speciale

IO NON MUOIO PIÙ

Il progetto, ideato dal regista e drammaturgo argentino Fernando Rubio e proposto per la prima volta nel 2017 in occasione del Festival internazionale delle arti sceniche di Montevideo, intende stimolare una riflessione attorno al tema - delicato e urgente - della violenza di genere. Tale riflessione si serve e si nutre della partecipazione diretta della cittadinanza, chiamata a lasciare la propria testimonianza rispetto a episodi di violenza subiti a livello personale o che vedono coinvolti familiari, amici e conoscenti.

Il Teatro Metastasio ha coinvolto come partner principale e naturale per il progetto il Centro Antiviolenza La Nara, grazie al quale poi sono stati introdotti anche altri organismi quali CGIL, Circoli Arci, Centro salute donna e Biblioteca Lazzerini. Presso le sedi di questi soggetti verranno installate delle cassette (ci sono 12 punti di raccolta a Prato) dove, fino ad inizio settembre 2022, chi lo desidera potrà depositare una lettera con la propria storia in forma totalmente anonima; volendo è possibile anche inviarla via mail a comunico@metastasio.it (il mittente resterà anonimo).
Queste testimonianze potranno far parte della costruzione della performance pubblica a Prato durante il festival Contemporanea (16/25 settembre 2022). Il progetto, infatti, prevede che al termine di questa prima fase di raccolta di testimonianze si svolga un'azione dal vivo all'interno di una struttura cubica trasparente, installata in un luogo altamente frequentato, di transito, nel centro storico di Prato, sulla cui parete di fondo - l'unica opaca - saranno proiettate parti delle lettere ricevute a Prato e di quelle arrivate nel corso del lavoro dell'artista durante questi anni.
L'installazione, che assume le forme di una grande scatola trasparente, perfettamente abitabile, intende suggerire lo spazio privato, intimo, della dimensione domestica che eccezionalmente si palesa al mondo esterno, divenendo accessibile, visibile a chiunque. All'interno della scatola-abitazione, per 45 minuti, che saranno ripetuti nel corso delle giornate di festival, un gruppo di attrici e attori locali vestirà i panni di vittima e carnefice, rendendo manifesto - e quindi criticabile, passibile di denuncia - ciò che ancora oggi troppo spesso rimane invece nascosto, taciuto, segregato dentro le quattro mura di casa.

Io non muoio più è il grido di aiuto di chi non ha voce; è una denuncia senza sconto; è un'operazione politica ed estetica; è un progetto che si alimenta del vissuto dei singoli per parlare alla collettività; è una performance; è un'iniziativa radicata sul territorio, ma che raccoglie e fa circolare le storie di violenza dei Paesi da cui transita, evidenziando come questo stesso tema si tinga nelle diverse culture.

 

Fernando Rubio (Buenos Aires, 1975) è regista e drammaturgo argentino, già noto a Prato fin dal 2016 per aver preso parte a Contemporanea Festival con Todo lo que está a mi lado. Una performance, questa, coprodotta dal Teatro Metastasio che vedeva 7 letti disposti in diverse piazze del centro storico, nei quali gli spettatori, per 10 minuti, erano invitati a fianco a delle attrici.
Il rapporto con lo spazio circostante, la dimensione urbana e il canale comunicativo che si innesca tra pubblico e interpreti sono infatti nodali nella ricerca del regista, che con le sue opere è stato ospite di numerosi Festival teatrali e cinematografici internazionali, musei, teatri e spazi pubblici in America, Europa, Asia ed Africa.

 

_________________________

Se sei atterrata/o su questa pagina da una delle “cassette postali” collocate in città ti ringraziamo dell'attenzione.
Queste cassette sono cassette simboliche che custodiscono le testimonianze ricevute da chi desidera raccontare la propria storia o la storia di altre donne. Sono scrigni che raccolgono testimonianze anonime di situazioni di violenza, subita in prima persona o da persone vicine. Un invito a non tenerci tutto dentro.
Grazie al lavoro del regista e drammaturgo argentino Fernando Rubio, alcune storie condivise entreranno a far parte dello spettacolo.

Io non muoio più è un’installazione, una performance, è un intervento nella città ed è un’azione estetica, politica e collettiva per promuovere un cambiamento culturale. È un appello a stare allerta, all’urgenza, a vedere ciò che non si è abituati a vedere, è un modo per dire basta e anche una richiesta di aiuto.
Grazie al progetto di Fernando Rubio per Contemporanea Festival potremo ricordare e non dimenticare.

 

Punti di raccolta / cassette postali:
Circolo Ricreativo 29 Martiri, via di Cantagallo 250, Figline
Circolo Ricreativo Culturale Di Paperino, via dell'Alloro 14, Prato
Circolo ARCI Quinto Martini, via Montalese 338, Prato
Circolo ARCI Costa Azzurra - La Macine, via Firenze 253, Prato
Circolo L'Unione di Vergaio, via di Mezzo a Vergaio, Prato
Circolo ricreativo ARCI Giuseppe Rossi Sant'Ippolito, via Visiana 117, Prato
Casa del Popolo Circolo ARCI Borgonuovo, via Lorenzo da Prato 17, Prato
Circolo Arci 'Lanciotto Ballerini', via del Cittadino 39, Prato
Biblioteca Lazzerini, via Puccetti 3, Prato
Centro Antiviolenza La Nara, via Giuseppe Verdi 13, Prato
Centro Salute Donna, via Camillo Benso Conte di Cavour 87, Prato
CGIL Camera del Lavoro Territoriale Prato, Piazza Mercatale 89, Prato

 

Il progetto è realizzato in collaborazione con il Centro antiviolenza La Nara, una preziosa realtà che è sempre in ascolto e a disposizione di chi ha bisogno di sostegno o protezione. Il Centro è aperto dal lunedì al venerdì in orario 9.00/13.00 e 14.00/18.00. Il numero di telefono è 0574/34472, la segreteria telefonica è attiva tutti i giorni 24 ore su 24.

ideazione Fernando Rubio

Io Non Muoio Più