Informazioni

PREZZI BIGLIETTI

intero > € 18,00
ridotto convenzioni/ soci Coop/ over 65 > € 14,00
ridotto gruppi/ under 25 > € 10,00
ridotto disoccupati/cassintegrati > € 7,00


Biglietti in vendita a partire dal 12 gennaio 2016

> http://ticka.metastasio.it -> sconto del 5%
> Biglietteria Metastasio, via Cairoli 59, tel. 0574/608501
> Circuito Box Office, tel. 055/210804055/210804
> Tabaccheria Bigi, via Bologna 77, Prato - tel. 0574/462310

Concerto Jazz

29 febbraio 2016 | ore 21.00 | Teatro Metastasio

Duke

FABRIZIO BOSSO QUARTETTO & PAOLO SILVESTRI ENSEMBLE

Fabrizio Bosso (tromba)
Julian Oliver Mazzariello (pianoforte)
Luca Alemanno (contrabbasso)
Nicola Angelucci (batteria)

Paolo Silvestri Ensemble:
Claudio Corvini (tromba)
Fernando Brusco (tromba)
Gianni Oddi (sax alto)
Michele Polga (sax soprano e tenore)
Marco Guidolotti (sax baritono)
Mario Corvini (trombone)

arrangiamenti e direzione Paolo Silvestri

 

Nel panorama del jazz europeo l’Italia può vantare una delle scuole trombettistiche più straordinarie del continente: da Enrico Rava a Paolo Fresu, da Giovanni Falzone al compianto Marco Tamburini, fino a Fabrizio Bosso, per limitarsi ai nomi più popolari. Tutti hanno in comune una disposizione alla varietà di esperienze e alla disponibilità a mettersi in gioco. Fabrizio Bosso in particolare ha raggiunto una maturazione artistica che gli consente di mettere il virtuosismo al servizio dell’intensità emotiva, e di sintetizzare le sue esperienze, che si radicano soprattutto nella tradizione hard bop, in un linguaggio brillante, logico, fantasioso e coerente. Il suono si è fatto più ricco, pastoso, con screziature granulose che evocano sonorità soul, articolate però nella logica del jazz moderno. Il progetto su Duke Ellington, commissionato dal Roma Jazz Festival, nasce dalla collaborazione con l’arrangiatore e direttore Paolo Silvestri. Il quartetto del trombettista è rinforzato da un sestetto di fiati di ambito romano per formare un “tentetto” con il quale Silvestri ha messo a punto un’operazione affascinante: ricreare con un gruppo più piccolo le sonorità ora aspre, ora seducenti, sempre eccentriche, dell’orchestra di Duke Ellington. La scommessa è pienamente vinta perché Silvestri usa l’ensemble per dare ulteriori sferzate orchestrali ad un quartetto che già macina energia. L’arte di Ellington viene così modulata ad ondate, con la tromba di Bosso in prima fila a esaltare la bellezza e la ricchezza di composizioni tra le più importanti della storia del jazz.

FABRIZIO BOSSO QUARTETTO & PAOLO SILVESTRI ENSEMBLE