Spettacolo

LA MALADIE DE LA MORT

libero adattamento dal romanzo di Marguerite Duras
regia Katie Mitchell
adattamento Alice Birch

con
la donna Laetitia Dosch
l'uomo Nick Fletcher
narratrice Jasmine Trinca

regista associato Lily McLeish
regia video Grant Gee
scene e costumi Alex Eales
compositore Paul Clark
sound design Donato Wharton
video design Ingi Bekk
collaboratore video design Ellie Thompson
light design Anthony Doran
aiuto regista Bérénice Collet
direttore tecnico John Carroll
vice direttore di scena Lisa Hurst
programmatore video/operatore Caitlyn Russell
cineoperatori Nadja Kruger, Sebastian Pircher
coordinatore video sul palco Matthew Evans
programmatore suono/operatore Harry Johnson
boom operator Joshua Trepte
programmatore luci/operatore Aliénor Lebert
aiuto direttore di scena Elodie Huré
direttore di scena Marinette Jullien

produzione C.I.C.T. - Théâtre des Bouffes du Nord
produttori associati Les Théâtres de la Ville de Luxembourg, Théâtre de la Ville-Paris, Le Théâtre de Liège
in coproduzione con MC2 Grenoble, Edinburgh International Festival, Barbican/London, Stadsschouwburg Amsterdam, Teatro Stabile di Torino-Teatro Nazionale, Teatro di Roma-Teatro Nazionale, Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro Metastasio di Prato, TANDEM scène nationale
in collaborazione con Mayhem
si ringrazia la Comédie-Française

con il sostegno dell'Institut Français Italia e della Fondazione Nuovi Mecenati - Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea

 

In una stanza di un hotel vicino al mare un Uomo aspetta.
Lei arriva di notte. Lei arriva sempre e solamente di notte. Lei non deve parlare. Non deve resistere. Qualsiasi cosa lui vuole, lei deve farlo. Il prezzo non ha importanza - lui vuole imparare ad amare, a provare ancora dei sentimenti. Questo non riguarda Lei. Riguarda Lui.
La Duras esplora la convinzione dell’impossibilità di un'autentica intimità emozionale o sessuale tra uomo e donna. L’adattamento cinematografico live di Katie Mitchell mette questo aspetto al centro, attraverso una profonda esplorazione dell’intimità, del genere, della pornografia e del sesso.
Alice Birch, dicembre 2017