OtellO

OtellO

28.10 - 31.10 / 2021

20.45 feriali, 19.30 sabato, 16.30 domenica

Fabbricone

Kinkaleri esplora una delle più famose tragedie shakespeariane come luogo per dare alle parole il potere di essere e diventare OtellO. Un testo da esplorare sotto un segno chiaro, nella ricerca di un Corpo che contenga simultaneamente Parola e Suono per raccontare se stesso e ciò a cui allude. Il potere che il linguaggio ha nell’imporre piegature e distorsioni alla realtà, si allunga come un’ombra sui corpi che aderiscono allo spazio come a un destino. Una scrittura/corpo che della vicenda non assume le sembianze dei personaggi, né la loro condizione psicologica, ma cerca direttamente nella dinamica, nelle forze e nelle tensioni prodotte dai corpi, di essere diretto antagonista della menzogna di un mondo generato dalle parole. Il suo unico, inalienabile potere di non poter mentire. Individuale/collettivo si ricolloca al centro della scena per ribadire la sua necessaria presenza.
Per Kinkaleri OtellO è l’occasione di una riscrittura coreografica che cerca di assumere su di sé, ancora una volta, le tensioni della rappresentazione contemporanea nel momento transitorio e ambiguo che abbiamo la (s)fortuna di vivere. Una rinnovata età di passaggio, rifugio nella tradizione e nelle inevitabili fughe verso un futuro quasi presente. Nelle sue contraddizioni tra globale e locale. Nell’opposizione a una difesa delle identità e nella volontà di spogliarsene per pura vita. Nell’esaltazione del soggetto e nella necessità di trovare paradigmi di decifrazione collettiva condivisa. Nella sua volontà di erigere muri o non avere stati. Nel suo essere e poter essere ancora più vibrante, prima che l’umano cessi di essere solo umano.

liberamente tratto da The Tragedy of Othello, the Moor of Venice di William Shakespeare

progetto e realizzazione Kinkaleri – Massimo Conti, Marco Mazzoni, Gina Monaco
con Chiara Lucisano, Caterina Montanari, Daniele Palmeri, Michele Scappa
musiche originali Canedicoda
luci Kinkaleri, Giulia Barni
assistente alla regia Simone Schiavo
produzione Elena Conti
organizzazione Gaia Fronzaroli
coproduzione Kinkaleri/KLm, Teatro Metastasio di Prato
con il sostegno di MiC – Ministero della Cultura, Regione Toscana

PRIMA ASSOLUTA

€ 18,00 posto unico numerato

RIDUZIONI
RID 1 > Soci Coop/Convenzioni/over 65 > -20%
RID 2 > gruppi organizzati/under 25 > -35%
ACQUISTO ON-LINE -5% sull'intero o sul ridotto


NORME ANTICOVID
ACQUISTO
È raccomandato l'acquisto on-line. Per le prenotazioni effettuate tramite biglietteria chiediamo di ritirare il biglietto almeno un giorno prima dello spettacolo prescelto.

28.10 / 2021 20.45
29.10 / 2021 20.45
30.10 / 2021 19.30
31.10 / 2021 16.30

durata 70'

Per accedere agli spettacoli è necessario essere in possesso del Green Pass, la certificazione digitale introdotta in Italia all'interno del Decreto Legge n. 105/2021 (https://www.dgc.gov.it), da esibire all'ingresso (in formato digitale o cartaceo).
È obbligatorio indossare la mascherina durante tutta la permanenza all'interno del teatro.

Fabbricone

via Ferdinando Targetti, 10/8 59100 Prato (PO)
tel. 0574.690962