Radio clandestina

Roma, le Fosse Ardeatine, la Memoria

Radio clandestina

16-19.03 / 2022

20.45 feriali, 19.30 sabato, 16.30 domenica

Metastasio

Acquista biglietti

Il 23 marzo 1944 i Gruppi d’Azione Patriottica attaccano una colonna tedesca di polizia in Via Rasella. Il 24 marzo per rappresaglia i nazisti uccidono 335 persone in una cava sulla via Ardeatina. L’eccidio delle Fosse Ardeatine è un evento noto a tutti, in particolare per i romani ha segnato il momento più tragico dell’occupazione nazista.
Vent’anni fa Ascanio Celestini decide di rappresentare questa storia ispirandosi al libro L’Ordine è già stato eseguito di Alessandro Portelli, vincitore del Premio Viareggio. Fu un successo che consacrò Celestini tra gli artisti più importanti della scena italiana.
Il libro si fonda su circa 200 interviste a testimoniare che questa non è la storia di quei tre giorni, ma qualcosa di vivo e ancora riconoscibile nella memoria di una intera città: è la storia delle donne che vanno a cercare i loro uomini, delle mogli che lavorano negli anni ‘50 e dei figli e dei nipoti che quella storia ancora la raccontano.
“Vedere la cassiera del bar o il tecnico del teatro che mi si avvicinava dicendomi ‘io sono il figlio del ragazzino che giocava a pallone a via Rasella il giorno dell’azione partigiana’ o ‘io mi chiamo Carla perché mio nonno si chiamava Carlo ed è morto alle Ardeatine’… All’inizio mi sembravano casualità, ma poi riflettendoci non è difficile capire che 335 morti alle Ardeatine hanno alle spalle centinaia di famiglie, migliaia di persone”.
Eppure la tragedia delle Fosse Ardeatine è una storia conosciuta sempre al contrario. “Quasi tutti sanno che i nazisti subito dopo l’attentato partigiano di via Rasella mandarono in giro per Roma centinaia di comunicati, sui manifesti, sui giornali e alla radio”, dice Celestini. “Ma visto che i partigiani non si presentavano, risposero al loro silenzio uccidendo 10 italiani per ogni tedesco morto. È una storia che sanno tutti anche se è una grande menzogna e questo per ammissione degli stessi tedeschi. Io ho provato partendo dai materiali pubblicati nel libro di Portelli a dare voce a quella parte orale della storia che ancora racconta quei giorni in maniera viva, diretta e non rovesciata”.

 

incontro progetto speciale
A Singolar Tenzone - i monologhi del XXI sec.

Venerdì 17 marzo 2023 alle ore 15.30, presso il Museo di Palazzo Datini (via Ser Lapo Mazzei 43, Prato),
si svolgerà l'incontro-documentazione che avrà come protagonista Ascanio Celestini e il suo spettacolo Radio Clandestina
per il quale sarà intervistato dal giornalista Attilio Scarpellini.
Un pubblico limitatissimo potrà assistere all'intervista e intervenire con commenti e domande.
Per partecipare è necessario riservare il proprio posto scrivendo a comunico@metastasio.it entro mercoledì 15 marzo.
Le richieste verranno accettate sulla base dell'ordine di arrivo e fino a esaurimento posti (ogni mail riceverà regolare risposta).

In collaborazione con
Fondazione Casa Pia dei Ceppi Palazzo Datini onlus

 

uno spettacolo di Ascanio Celestini
a partire dal testo di Alessandro Portelli “L’Ordine è già stato eseguito”

 

produzione Fabbrica srl

€ 28,00 poltrona
€ 26,00 posto di palco centrale
€ 20,00 posto di palco laterale o di IV ordine centrale
€ 12,00 posto di palco laterale di IV ordine o di loggione


RIDUZIONI
-20% per Soci Coop, over 65 e convenzioni
-35% per under25 e gruppi organizzati

 

Promozione METxTEMPO: biglietto scontato del 35% acquistando solo on-line i biglietti fino a 15 giorni prima dall'inizio dello spettacolo

16.03 / 2023 20.45
17.03 / 2023 20.45
18.03 / 2023 19.30
19.03 / 2023 16.30

Durata 1h 15'

Metastasio

via Benedetto Cairoli, 59 59100 Prato (PO)
tel. 0574.6084